Un caffè nel distretto

della bellezza

Nuovi percorsi Urbani

Itinerari "esperienziali" tra vicoli, archi, scise e salite

Il segno dell'ingegnere, il gesto dell'architetto, i simboli della comunità. Questione di "ermeneutica", di interpretazione, quindi di linguaggio e allora di lettura.

Attraversare il passato, sostare nel presente, ipotizzare il futuro: per dirla con il filosofo Paul Ricoeur, autore di "Leggere la città", 4 libri che ispirano il nostro progetto, "prefigurazione, configurazione, rifigurazione".

 

Azioni che valgono nello (e per lo) spazio e dunque anche nel racconto. Raccontare e costruire: un edificio oppure la storia di un uomo. L'umano e l'abitare.  Non siamo lontani.

Ecco il senso dei nostri itinerari: entrare nelle pieghe del centro storico, nei luoghi, nelle case, nelle piccole botteghe. Condividere l'esperienza da dentro, proiettarla fuori, in avanti. Tra comunità e  impianto urbano. Trame sociali e architettura. Poetica degli spazi e ingegneria narrativa.  Gli abitanti ci aspettano per un caffé.  

In Tour

Gli itinerari  sono un'idea di Mimmo Gimigliano, non solo un ingegnere, ma un concentrato di saperi e di sensibilità. Il centro storico di Cosenza è la sua passione.

Con uno smartphone, scaricando la App di Villa Rendano/Giostra Vecchia, potrete conoscere in anticipo i percorsi e le tappe e con un QRCode  aggiungere nuovi contenuti al vostro  tour.

Mimmo Gimigliano

COSA SIGNIFICA

LEGGERE LA CITTÀ?

Significa esattamente quello che dice il dizionario S. Battaglia: scorrere con la vista ciò che è scritto, in modo da distinguere i suoni rappresentati dalle lettere, per unirli poi in sillabe, in vocaboli o in frasi che contengano un significato preciso. Ma con un’unica precisazione: “distinguere gli elementi rappresentati dai granelli materiali come le pietre o da quelli immateriali come briciole di spazio o di vita o di memoria, per unirli in muri, architettura, tessuto urbano, ma anche in episodi, racconti, storia”. E trovarne il significato, o i significati.